Perché scegliere i prodotti nutraceutici?

Che cos’è un Nutraceutico?

Negli ultimi anni, un numero crescente di integratori alimentari sono diventati disponibili in farmacia e successivamente anche nei negozi di alimenti naturali e supermercati specializzati.

Il termine “nutraceutico” combina due parole: “nutriente” (una componente alimentare nutriente) e “farmaceutica” (una medicina).

Che cosa è un nutraceutico

Il nome è stato coniato nel 1989 da Stephen De Felice, fondatore e presidente della Foundation for Innovation in Medicine, un’organizzazione americana con sede a Cranford, nel New Jersey.

I nutraceutici, che sono stati anche chiamati alimenti medici, alimenti di design, fitochimici, alimenti funzionali e integratori alimentari, includono prodotti di uso quotidiano come yogurt “bio” e cereali per la colazione fortificati, oltre a vitamine, rimedi a base di erbe e persino alimenti e integratori geneticamente modificati.

Molti termini e definizioni sono usati in diversi paesi, il che può creare confusione.

Stephen De Felice ha definito un nutraceutico come un “alimento, o parti di alimenti, che offrono benefici medici, compresa la prevenzione e il trattamento delle malattie ”.

In Canada, l’alimento funzionale è stato definito “simile nell’aspetto agli alimenti convenzionali … consumato come parte di una dieta abituale” mentre un nutraceutico è “un prodotto composto da alimenti ma venduto in pillole, polveri, (pozioni), forme generalmente non associate al cibo ”.

In Gran Bretagna, il Ministero dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Alimentazione ha sviluppato una definizione di alimento funzionale come “un alimento che ha un componente incorporato in esso per dargli un beneficio salutistico specifico, oltre a un beneficio puramente nutrizionale”.

Quindi, sia in Canada che in Gran Bretagna, un alimento funzionale è essenzialmente un integratore alimentare, ma un nutraceutico è una forma dello stesso più concentrato.

In America, “alimenti medici” e “integratori alimentari” sono termini regolatori, tuttavia “nutraceutici”, “alimenti funzionali” e altri termini simili sono determinati da consulenti e operatori di mercato, in base alle tendenze dei consumatori.

Molti di questi nuovi prodotti che vengono promossi come cura in vari stati patologici, trovano le loro origini nel regno vegetale.

In molte culture vi è anche una lunga storia di uso di piante che possono essere utilizzate per identificare attività nel trattamento di varie patologie.

La filosofia dei prodotti nutraceutici


La filosofia alla base dei nutraceutici è quella di concentrarsi sulla prevenzione, secondo il detto di un medico greco Ippocrate (noto come il padre della medicina) afferma: “lascia che il cibo sia la tua medicina“.

Il loro ruolo nella nutrizione umana è una delle aree di indagine più importanti, con implicazioni di vasta portata per i consumatori, i fornitori di assistenza sanitaria, i regolatori, i produttori di alimenti e i distributori.

Categorie di nutraceutici


La definizione di nutraceutici e prodotti correlati dipende generalmente dalla fonte.

Possono essere classificati sulla base delle loro fonti naturali, delle condizioni farmacologiche e della costituzione chimica dei prodotti.

Molto spesso sono raggruppati nelle seguenti categorie:

-integratori alimentari

-alimenti funzionali

-medicinali

-prodotti farmaceutici

-nutraceutici bioattivi

Un integratore alimentare rappresenta un prodotto che contiene nutrienti derivati ​​da prodotti alimentari ed è spesso concentrato in forma di liquido, capsula, polvere o pillola.

Sebbene gli integratori alimentari siano regolati dalla FDA come alimenti, la loro regolamentazione differisce da droghe e altri alimenti.

Secondo la loro definizione generalmente accettata, gli alimenti funzionali sono una categoria che comprende alimenti integrali e componenti dietetici arricchiti o migliorati che possono ridurre il rischio di malattie croniche e fornire un beneficio per la salute grazie ai tradizionali nutrienti in esso contenuti.

Gli alimenti medici sono formulati per essere consumati o somministrati internamente, sotto la supervisione di un medici o di specialisti.

L’uso previsto è una gestione dietetica specifica di una malattia o condizione per la quale i requisiti nutrizionali distintivi sono stabiliti dalla valutazione medica (sulla base di un principio scientifico riconosciuto).

I prodotti farmaceutici sono componenti di valore terapeutico prodotti da piante o sostanze di animali modificati.

Il termine è una combinazione delle parole “fattoria” e “prodotti farmaceutici”.

Nutraceutici: i potenziali benefici per la salute


Nel corso degli anni i nutraceutici hanno suscitato notevole interesse a causa dei loro potenziali effetti nutrizionali, di sicurezza e terapeutici.

Potrebbero avere un ruolo in una pletora di processi biologici, tra cui le difese antiossidanti, la proliferazione cellulare, l’espressione genica e la salvaguardia dell’integrità mitocondriale.

Pertanto i nutraceutici possono essere utilizzati per migliorare la salute, prevenire le malattie croniche, rinviare il processo di invecchiamento (e, a sua volta, aumentare l’aspettativa di vita) o semplicemente supportare le funzioni e l’integrità del corpo.

Sono considerati fonti salutari per la prevenzione di malattie potenzialmente letali come diabete, disturbi renali e gastrointestinali, nonché diverse infezioni.

È stato dimostrato che un’ampia gamma di nutraceutici impone ruoli cruciali nello stato immunitario e nella suscettibilità a determinati stati patologici.

Aiutano il decorso di malattie che modificano le indicazioni correlate allo stress ossidativo tra cui allergie, morbo di Alzheimer, malattie cardiovascolari, cancro, patologie oculari, malattie del Parkinson e obesità.

Cos’è la terapia nutraceutica?


I nutraceutici sono alimenti o prodotti derivati ​​da alimenti che portano benefici alla salute.

Poiché i nutraceutici non sono regolati dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti, un’ampia gamma di prodotti può rientrare in questo termine generico.

Esempi di nutraceutici includono:

  • Aminoacidi
  • Nutrienti isolati come licopene e beta-carotene
  • Integratori alimentari come la vitamina B.

Questi prodotti possono essere in forma di liquido, pillola, polvere o compresse.

Nella terapia nutraceutica, uno specialista crea raccomandazioni terapeutiche personalizzate progettate per prevenire e migliorare specifiche condizioni di salute.

Quali sono i vantaggi della terapia nutraceutica?

I nutraceutici sono stati usati per:

  • Ridurre il desiderio di droga
  • Aumenta l’energia
  • Allevia l’ansia
  • Migliora la chiarezza mentale
  • Migliora la qualità e la quantità del sonno
  • Fornire un senso generale di benessere
  • Prevenire le malattie croniche

Per molti pazienti, il vantaggio più significativo è che non ci sono effetti collaterali noti.

A causa di questi benefici, alcuni centri di riabilitazione farmacologica mettono a disposizione dei loro pazienti nutraceutici e altri rimedi naturopatici.

Derivato dalle parole “nutrizione” e “farmaceutica”, si ritiene che i nutraceutici aiutino nel trattamento di una varietà di malattie, tra cui la dipendenza e altre malattie croniche.

La terapia nutraceutica viene in genere utilizzata in combinazione con altre medicine per mettere il corpo nella posizione migliore per guarire se stesso.

Nutraceutici: Alimenti funzionali o medicine?


Le normative sull’etichettatura degli alimenti non consentono alle etichette degli alimenti di presentare indicazioni sulla salute in molti paesi.

Questo rende difficile per le aziende che commercializzano prodotti nutraceutici pubblicizzare i benefici dei loro prodotti senza una licenza medica, quindi possono decidere di non fare alcuna ricerca o di ricercare a fondo un nuovo prodotto e possibilmente ottenere un brevetto che dimostri la loro efficacia.

Sfortunatamente, molte aziende tendono alla prima opzione a causa delle ingenti spese e dei problemi ad ottenere un brevetto su un prodotto naturale o del fatto che non possono presentare i loro reclami sull’etichetta senza una licenza del prodotto.

Per portare un farmaco sul mercato può richiedere circa 10 anni e costare 250 milioni di euro, mentre per commercializzare un nutraceutico senza licenza può richiedere una frazione di questo.

Un esempio è stato il caso di Cholestin, un integratore per abbassare il colesterolo commercializzato da Pharmanex (Simi Valley, CA) nel 1996.

Il prodotto si basava su un antico rimedio cinese e si rivelò molto popolare.

Quando la società farmaceutica Merck (Whitehouse Station, NJ) ha testato questo “integratore” di successo, ha scoperto che il principio attivo era la lovastatina e la Food and Drug Administration statunitense ne ha successivamente vietato l’incorporazione in Cholestin.

Come si può vedere da questo esempio, la differenza tra farmaceutica e nutraceutica è talvolta difficile da definire, in quanto si sviluppano in ambiti diversi.

In Gran Bretagna, i rimedi e gli integratori a base di erbe senza licenza sono commercializzati senza indicazioni mediche e come tali sono legalmente considerati integratori alimentari e sono controllati dal Ministero dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione.

In passato, fintanto che i prodotti non sostenevano di avere usi medicinali, l’Agenzia di controllo dei medicinali, che è responsabile della regolamentazione dei medicinali, non ha richiesto che il prodotto soddisfi la legislazione medica.

Tuttavia, ora si sottolinea maggiormente essere posto sulla funzione dei prodotti commercializzati mentre la Gran Bretagna si allinea al resto dell’Europa.

È stato recentemente riferito che il controllo dei prodotti a base di erbe deve passare alla Commissione europea ed è probabile che i supplementi seguiranno

È stato recentemente riferito che il controllo dei prodotti a base di erbe deve passare alla Commissione europea ed è probabile che gli integratori seguiranno un corso simile.

L’articolo 1 della direttiva 65/65 / CEE10 definisce un medicinale come “qualsiasi sostanza o combinazione di sostanze presentata per il trattamento o la prevenzione di malattie negli esseri umani o negli animali”.

Definizione di medicinale

“Qualsiasi sostanza o combinazione di sostanze che possono essere somministrate a esseri umani o animali al fine di fare diagnosi o ripristinare, correggere o modificare le funzioni fisiologiche negli esseri umani o negli animali è parimenti considerata un medicinale”.

Questa definizione descrive un prodotto che ha una funzione medica indipendentemente dal fatto che queste affermazioni siano state dichiarate o meno, che includerebbe molti integratori che sono stati presi per scopi medici.

I medicinali britannici con licenza per uso umano sono regolati in base al Medicines Act 196811 e ai Medicines for Human Use (Marketing Authorizations Etc) Regolamento 1994 SI 1994: 3144 (il regolamento)

Nel 1995, questi regolamenti sono entrati in vigore, implementando tutti i controlli elencati nella Direttiva 65/65 / CE. In base a tali regolamenti, esistono controlli sulla variazione e il rinnovo delle licenze del Regno Unito, nonché sull’etichettatura e sui foglietti illustrativi.

I nutraceutici hanno effetti collaterali?


Uno studio di cinque anni sugli effetti collaterali dei rimedi tradizionali e degli integratori alimentari è stato condotto tra il 1991 e il 1995 nell’unità di tossicologia medica presso l’ospedale di Guy’s, a Londra.

Gli autori hanno concluso che il fattore di rischio complessivo con questi prodotti era basso e che erano generalmente considerato sicuro.

Molti di questi prodotti sono auto-prescritti e possono comportare un uso inappropriato, un sovradosaggio o interazioni con altri medicinali.

Quindi è bene usarli dopo aver parlato con il proprio medico o farmacista.

Ciò evidenzia il motivo per cui la sicurezza di questi integratori deve essere garantita in quanto molti consumatori non sono consapevoli della differenza tra prodotti autorizzati e non autorizzati e delle differenze tra legislazione alimentare e legislazione sui medicinali.

Esistono molte affermazioni inesatte per molti integratori disponibili, nonché molte variazioni nei prodotti reali, a seconda dello stoccaggio, del processo di produzione o persino dei lotti dello stesso materiale.

È essenziale che queste discrepanze siano risolte, possibilmente con la creazione di un terzo tipo di categoria normativa per gli integratori.

In America, un nuovo prodotto può essere idoneo allo status normativo come alimento, integratore alimentare o come alimento medico.

Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato il Dietary Supplement Health and Education Act (DSHEA) nel 1994.

Ciò ha istituito un nuovo regolamento corpo per integratori alimentari ai sensi della FDA. A differenza degli alimenti, gli integratori alimentari possono utilizzare le “dichiarazioni di supporto nutrizionale”.

Questi possono offrire supporto nutrizionale nella malattia da carenza di nutrienti o indicare una descrizione del ruolo, meccanismo d’azione o effetto previsti sulla salute generale a seguito dell’assunzione del prodotto.

Per quegli integratori alimentari per i quali viene utilizzata tale affermazione, l’etichetta deve inoltre indicare: “Questa affermazione non è stata valutata dalla Food and Drug Administration. Questo prodotto non ha lo scopo di diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia. ”

In effetti, poiché legalmente fanno parte di una classe da soli, gli integratori alimentari negli Stati Uniti possono essere commercializzati senza che la FDA si accerti che sono sicuri.

Ciò rende relativamente facile per un produttore commercializzare un prodotto senza investire il tempo e il denaro necessari per la sua sicurezza.

Di tutte e tre le categorie (alimenti, integratori alimentari o alimenti medici), gli alimenti medici hanno i controlli regolamentari meno formali.

Definizione di alimento medico

Il Congresso degli Stati Uniti nel 1990 ha definito un alimento medico come “un alimento che è stato formulato per essere consumato o somministrato per via enterale sotto la supervisione di un medico e che è destinato alla gestione dietetica specifica di una malattia o condizione per la quale esigenze nutrizionali distintive, basate su principi scientifici riconosciuti, sono stabiliti dalla valutazione medica ”.

Questi prodotti sono generalmente promossi da operatori sanitari, compresi i farmacisti.

Nutraceutici: implicazioni per la farmacia

Poiché i nuovi medicinali sono costosi e hanno profili di rischio elevati, molte aziende, ad esempio Du Pont, Abbott Laboratories e Warner Lambert, che in passato hanno prodotto prodotti farmaceutici convenzionali, si stanno unendo per sviluppare e sperimentare la produzione di nutraceutici.

Nutraceutici: guida completa 2020Ciò offre loro la possibilità di un mercato molto ampio.

Datamonitor, un sito web che segue le tendenze del mercato, stima il mercato nutraceutico a 17 miliardi di euro, e lo stesso Dott. Felice, parlando a una conferenza nel 1998, ha messo la cifra a 250 miliardi di Euro nella sola America.

Anche se queste stime variano ampiamente, il mercato dei prodotti farmaceutici è senza dubbio molto grande e in crescita.

Man mano che le aziende aumentano di dimensioni, possono essere creati più posti di lavoro per i farmacisti industriali, ma il vero impatto dei nutraceutici in farmacia sarà nella comunità.

È stato suggerito il passaggio dagli integratori alimentari, venduti nei negozi di alimenti naturali e nella maggior parte delle farmacie, ai nutraceutici destinati al mercato delle prescrizioni e del consiglio da parte del farmacista.

Ciò non sarebbe necessariamente nell’interesse dei produttori, poiché limiterebbe le dimensioni del mercato.

Tuttavia, molte indicazioni riguardano stati di malattia che non richiedono automedicazione.

Allo stato attuale, i consumatori possono provare integratori alimentari per molte indicazioni ritenendoli più sicuri delle sostanze sintetiche e questa presunzione di sicurezza è errata.

In entrambi i casi, se prescritto da un medico o auto-selezionato, il luogo logico per la fornitura di questi integratori è la farmacia in cui i farmacisti sono in grado di offrire consulenza professionale e approfondita.

La sfida è quindi quella di essere aggiornati con gli sviluppi della ricerca in modo che sia i professionisti convenzionali che i membri del pubblico siano in grado di ricevere informazioni accurate.

I futuri articoli di questa breve serie esamineranno le affermazioni scientifiche e mediche relative ai nutraceutici che non rientrano nelle categorie più conosciute e ben studiate come vitamine, aminoacidi e rimedi erboristici.

La maggior parte dei prodotti recensiti sono sostanze bioattive presenti in natura che vengono effettivamente utilizzate per integrare i livelli endogeni di questi componenti che si verificano naturalmente nel metabolismo umano, sia prodotti monocomponenti come la glucosamina, sia prodotti più complessi come la proantocianidina.

 

 

Dott. Eugenio De Florio

[simple-author-box]

 

Farmacia De Florio
Via nazionale 38
Corigliano-Rossano (CS)

Tel: 0983 885155
Email: [email protected]

Apri la chat
Bisogno di aiuto?
Ciao! Posso aiutarti?