N-acetilcisteina: i benefici della salute

Torna a Blog
N-acetilcisteina: I benefici per la salute - Guida completa 2020

N-acetilcisteina: i benefici della salute

N-acetilcisteina: I benefici per la salute – Guida completa 2020

Questo aminoacido può aiutare con diabete, BPCO e infertilità

  • ,

    Geneo Acts Nutraceutico Bioattivo

    0 Su 5

    L’Acetilcisteina è un Nutraceutico Bioattivo composto da Acetilcisteina che è utile in caso di affezioni respiratorie.

    18,00

 

N-acetilcisteina (NAC) è la forma di supplemento dell’amminoacido cisteina.

Il supplemento aiuta a facilitare le funzioni biologiche essenziali legandosi con altri due aminoacidi – glutammina e glicina – per creare un potente antiossidante noto come glutatione.

Il glutatione svolge un ruolo chiave nella regolazione di numerose attività cellulari e aiuta a tenere sotto controllo il sistema immunitario.

Come antiossidante, il glutatione aiuta a neutralizzare i radicali liberi che danneggiano le cellule e i tessuti a livello molecolare.

I sostenitori affermano che l’assunzione di integratori di N-acetilcisteina può proteggere da una miriade di problemi di salute, tra cui:

  • malattie respiratorie
  • malattie del fegato
  • disturbi psichiatrici
  • diabete
  • alcuni tumori 
  • dipendenza chimica.

 

N-acetilcisteina: Tutto quello che devi sapere e che non ti è stato detto

Nella medicina complementare e alternativa, si ritiene che la N-acetilcisteina aiuti una vasta gamma di condizioni mediche.

Poiché la N-acetilcisteina può aumentare la produzione di glutatione, alcuni professionisti hanno ipotizzato che non solo prevenga condizioni come il cancro e le malattie cardiache mantenendo l’integrità delle cellule, ma sostenga anche il trattamento di alcune malattie.

I sostenitori affermano che la N-acetilcisteina ha il potenziale per prevenire o curare una gamma quasi enciclopedica di problemi di salute, tra cui:

  • Rinite allergica (febbre da fieno)
  • Il morbo di Alzheimer
  • Disturbo bipolare
  • Bronchite
  • Avvelenamento da anidride carbonica
  • Malattia renale cronica
  • Disturbo polmonare ostruttivo cronico (BPCO)
  • Cirrosi
  • Dipendenza da cocaina
  • Cancro del colon-retto
  • Congiuntivite
  • Fibrosi cistica
  • Cardiopatia
  • Epatite
  • Ipercolesterolemia (colesterolo alto)
  • HIV
  • Infertilità
  • Morbo di Lou Gehrig
  • Cancro ai polmoni
  • Lupus
  • Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)
  • Sindrome da distress post-traumatico (PTSD)
  • Parto pretermine o aborto spontaneo
  • Schizofrenia
  • Angina instabile
  • Infezioni delle vie respiratorie superiori

 

La natura espansiva di queste affermazioni occasionalmente confina con il inverosimile.

Anche quelle affermazioni che hanno beneficiato della ricerca clinica in genere mancano, sia perché gli studi sono piccoli o le prove non supportano le conclusioni di vasta portata.

Detto questo, ci sono stati alcuni risultati positivi che giustificano una seria considerazione scientifica.

Ecco uno sguardo ad alcune delle ricerche che studiano i benefici dei nutraceutici di N-acetilcisteina:

 

 

N-Acetilcisteina: Benefici per la BPCO (Broncopneumopatia cronica ostruttiva)

Numerosi studi hanno esaminato i benefici dei Nutraceutici di N-acetilcisteina nelle persone con bronchite cronica e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Un’analisi del 2015 pubblicata nella European Respiratory Review, che ha valutato 13 studi e un totale di 4.155 persone con BPCO, ha concluso che 1.200 milligrammi di N-acetilcisteina al giorno hanno ridotto l’incidenza e la gravità dei razzi (noti come esacerbazioni) rispetto a un placebo.

 

 

N-Acetilcisteina: Benefici per il diabete

La n-acetilcisteina può aiutare nella gestione della prevenzione del diabete, suggerisce uno studio del 2016 sull’American Journal of Translational Research.

La ricerca ha coinvolto topi che sono stati nutriti con una dieta ricca di grassi (replicando gli effetti del diabete di tipo 2) o avevano diabete indotto dal medico (che rispecchia da vicino il diabete di tipo 1).

Ogni gruppo è stato ulteriormente suddiviso in gruppi più piccoli in base alla dose di N-acetilcisteina.

Tra i risultati:

Dosi da 600 a 1.800 milligrammi per chilogrammo al giorno (mg / kg / giorno) hanno migliorato la tolleranza al glucosio nei topi con diabete indotto dal medico.

I topi nutriti con diete ad alto contenuto di grassi hanno migliorato il glucosio a dosi di 400 mg / kg / die e hanno anche ottenuto una perdita di peso rispetto ai topi non trattati con N-acetilcisteina.

Dosi di 1.200 mg / kg / die hanno aumentato la sensibilità all’insulina.

Mentre i risultati sono preliminari, mostrano risultati promettenti sia nella prevenzione che nella gestione del diabete.

La n-acetilcisteina può fornire un migliore controllo del diabete aumentando la sensibilità di una persona all’insulina.

D’altro canto, aumentando la tolleranza al glucosio, la N-acetilcisteina può impedire alle persone con prediabete di progredire verso il diabete.

 

N-Acetilcisteina: Benefici per l’ipertensione 

Si dice spesso che la N-acetilcisteina riduca il rischio di malattie cardiache riducendo lo stress ossidativo sul cuore e sul sistema cardiovascolare.

Ciò è dimostrato in parte dalla ricerca in cui l’uso quotidiano di N-acetilcisteina può ridurre l’ipertensione (alta pressione sanguigna), un fattore importante per l’aterosclerosi.

Secondo uno studio del 2015 sull’American Journal of Clinical Nutrition, la N-acetilcisteina riduce i livelli di omocisteina nel sangue.

Omocisteina un aminoacido che comunemente si ottiene mangiando carne rossa.

I livelli elevati sono un fattore di rischio indipendente per malattie cardiache, malattie renali e persino aborti ricorrenti.

I ricercatori hanno riferito che un ciclo di quattro settimane di N-acetilcisteina era associato a un calo significativo della pressione arteriosa sistolica e diastolica indipendentemente dal fumo, dal peso o dai valori dei lipidi nel sangue.

 

N-Acetilcisteina: Benefici per la sindrome delle ovaie policistiche 

La n-acetilcisteina può aiutare a trattare la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), secondo una revisione sistematica del 2015 in Ostetricia e Ginecologia Internazionale.

Nel valutare otto studi con un totale di 910 donne con PCO, i ricercatori hanno dimostrato che la N-acetilcisteina ha migliorato i tassi di ovulazione e gravidanza rispetto a un placebo.

La causa di ciò non è del tutto chiara.

Nonostante i seguenti risultati, il ricercatore ha riferito che la N-acetilcisteina non ha migliorato altri sintomi caratteristici della PCOS, tra cui irregolarità mestruali, aumento di peso e sviluppo di tratti maschili secondari.

 

N-Acetilcisteina: Benefici per l’infertilità maschile

Mentre la N-acetilcisteina può migliorare la fertilità con la PCOS, ci sono prove che può fare lo stesso con gli uomini con infertilità.

Secondo uno studio del 2016 sull’International Journal of Fertility and Sterility, 35 uomini sottoposti a chirurgia per il trattamento dei varicoceli presentavano tassi di concepimento più elevati se trattati con N-acetilcisteina prima e dopo l’intervento chirurgico.

Il varicocele è una delle principali cause di infertilità maschile, derivante dalla formazione di vene varicose nello scroto.

Inoltre, si è visto che la qualità dello sperma migliora, sia a livello fisico che genetico.

I ricercatori ritengono che l’alleviamento dello stress ossidativo abbia portato a spermatozoi “più sani” e abbia migliorato la fertilità dopo un intervento chirurgico con varicoceli.

 

N-Acetilcisteina: Benefici per il disturbo bipolare

Vi sono alcune prove che la N-acetilcisteina può potenziare gli effetti dei farmaci psicotropi usati per trattare il disturbo bipolare.

Uno studio di 24 settimane pubblicato sull’International Journal of Bipolar Disorder ha riportato che 3000 grammi di N-acetilcisteina hanno migliorato significativamente i punteggi di depressione nelle persone sottoposte a farmaci bipolari.

Si ritiene che gli effetti antiossidanti innescati dalla N-acetilcisteina possano essere responsabili della risposta.

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che uno squilibrio di ossidanti e antiossidanti è una caratteristica centrale della depressione clinica

Alcuni scienziati ritengono che gli stessi benefici possano estendersi ad altri disturbi psichiatrici, inclusi i disturbi da abuso di sostanze e la schizofrenia precoce

 

 

N-Acetilcisteina: l’utilità per l’avvelenamento da tylenol

Una delle indicazioni mediche di N-acetilcisteina è l’avvelenamento da tylenol (acetaminofene).

La procedura prevede tre infusioni endovenose (IV) consecutive somministrate per oltre 24 ore per prevenire danni al fegato e altri sintomi di tossicità da paracetamolo.

L’avvelenamento da tylenol è considerato un’emergenza medica.

L’assunzione di N-acetilcisteina orale non impedisce o tratta in alcun modo i sintomi di un sovradosaggio di Tylenol.

 

N-Acetilcisteina: quali sono i possibili effetti collaterali?

La N-acetilcisteina è considerata sicura e ben tollerata se usata in modo appropriato.

Detto questo, potrebbe causare effetti collaterali in alcuni.

Gli effetti collaterali comuni sono generalmente lievi e in genere si risolvono da soli una volta interrotto il trattamento.

Questi possono includere nausea, mal di stomaco e diarrea.

Meno comunemente, le persone possono avvertire naso che cola, sonnolenza e febbre

Le allergie alla N-acetilcisteina sono rare ma possono verificarsi.

Il rischio è più alto durante le infusioni di N-acetilcisteina.

In rari casi, un’infusione può causare anafilassi, un’allergia potenzialmente pericolosa per la vita caratterizzata da eruzione cutanea grave, orticaria, viscosità, respiro corto, battito cardiaco accelerato e gonfiore di viso, gola e lingua.

Le allergie alla N-acetilcisteina orale tendono ad essere lievi e possono causare naso che cola, starnuti e congestione nasale.

Chiama il tuo medico se i sintomi persistono o peggiorano o se sviluppi un’eruzione cutanea o vertigini.
La N-acetilcisteina è generalmente considerata sicura da usare durante la gravidanza e l’allattamento.

Tuttavia, parla con il tuo medico per comprendere appieno i rischi e i benefici della N-acetilcisteina e se hai effettivamente bisogno del supplemento o meno.

 

N-Acetilcisteina: Interazioni Farmacologiche

La n-acetilcisteina ha poche interazioni farmacologiche note.

Può intensificare gli effetti della nitroglicerina e dell’isosorbide dinitrato usati per trattare l’angina, causando mal di testa, vertigini, vertigini e svenimenti.

Esiste anche un rischio teorico di ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue) se la N-acetilcisteina viene assunta con farmaci per il diabete.

Il monitoraggio di routine della glicemia può aiutare a identificare eventuali gocce anomale di zucchero nel sangue.

 

N-Acetilcisteina: Avvertenze e Controindicazioni

La n-acetilcisteina può rallentare la coagulazione del sangue e deve essere evitata nelle persone con disturbi emorragici, come l’emofilia o la malattia di Von Willebrand.

Si deve usare cautela anche nelle persone con malattie renali.

Il farmaco metabolizzato viene escreto per via renale ed è noto in rari casi che provoca calcoli renali anche in persone senza malattie renali.

 

N-Acetilcisteina: Dosaggio e preparazione

Integratori orali di N-acetilcisteina sono disponibili al banco in compresse, capsule, gel morbidi, effervescenti e polvere.

La maggior parte viene venduta in formulazioni da 600 milligrammi (mg), sebbene alcune siano alte fino a 1.000 mg.

Non esistono linee guida universali sull’uso appropriato della N-acetilcisteina.

Dosi fino a 1.200 mg al giorno (generalmente assunte in dosi divise) sono state utilizzate in sicurezza negli adulti. Come regola generale, non assumere mai più del dosaggio raccomandato elencato sull’etichetta del prodotto.

Non è stata stabilita la dose orale sicura ed efficace di N-acetilcisteina nei bambini.

Se non indicato da un medico, i supplementi di N-acetilcisteina non dovrebbero essere nei bambini.

I Nutraceutici di aminoacidi singoli, come la N-acetilcisteina, vanno assunti a stomaco vuoto.

L’assorbimento degli aminoacidi può essere influenzato dagli alimenti con cui li assumi e da altri aminoacidi.

I Nutraceutici di N-acetilcisteina possono essere conservati a temperatura ambiente in un luogo fresco e asciutto.

Scartare eventuali integratori scaduti, scoloriti o che mostrano segni di deterioramento.

 

N-Acetilcisteina: Quale nutraceutico scegliere

I nutraceutici non sono rigorosamente regolamentati negli in Italia e possono variare in modo significativo da una marca all’altra.

Per garantire la massima sicurezza e qualità, acquista solo nutraceutici che sono stati testati da un enti di certificazione come i nostri.

La certificazione non significa che il nutraceutico è efficace nel trattamento di qualsiasi condizione medica.

Esso conferma semplicemente che contiene gli ingredienti elencati sull’etichetta del prodotto ed è una buona indicazione che gli ingredienti sono sicuri.

Dovresti evitare qualsiasi supplemento che faccia affermazioni sulle cure.

Ai sensi della legge, ai produttori di nutraceutici  è vietato farlo in quanto privi della ricerca clinica su larga scala a sostegno di tali affermazioni.

 

 

N-Acetilcisteina: in quali alimenti la posso trovare?

Nel cibo si trovano solo quantità minime di N-acetilcisteina.

Al contrario, la cisteina è sia prodotta naturalmente nel corpo che ottenuta da alimenti di origine animale e vegetale.

Per questo motivo, la cisteina è considerata un amminoacido semi-essenziale (a differenza degli amminoacidi essenziali che devono essere ottenuti esternamente).

Le eccellenti fonti alimentari di cisteina includono:

Pollame
Carni rosse (in particolare di maiale)
Uova
latteria
peperoni rossi
aglio
Cipolle
broccoli
cavoletti di Bruxelles
Avena
Germe di grano

Il deficit di cisteina non è molto comune, sebbene i vegetariani e i vegani con un basso apporto di alimenti vegetali ricchi di cisteina possano essere a rischio.

In caso di carenza di N-acetilcisteina è utile utilizzare i nutraceutici che  portano il giusto equilibrio nel proprio organismo.

Assumere questi cibi sopra descritti è utile ma sicuramente per apportare il tuo fabbisogno giornaliero sarebbero necessari ingenti quantità.  

Per questo motivo ti consigliamo l’assunzione di Nutraceutici.

 

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna a Blog
Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

0
    0
    Il Tuo Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo Shop
    Apri la chat
    Bisogno di aiuto?
    Ciao! Posso aiutarti?